Diritto Penale Fallimentare

avvocato roma eur

Lo Studio Legale Ramelli offre consulenza preventiva alle imprese individuali ed alle società, nonché assistenza in ogni fase del procedimento, comprese quella cautelare reale (provvedimenti di sequestro) e personale (custodia cautelare in carcere, agli arresti domiciliari, ecc.) per fatti di rilevanza penale commessi nel corso dell’attività di impresa svolta in forma collettiva in epoca antecedente o coeva alla liquidazione giudiziale (già sentenza dichiarativa di fallimento), ovvero per i reati consumati nel corso delle procedure concorsuali regolamentate tutt’ora dal R. D. 16 marzo 1942, n. 267, in attesa dell’entrata in vigore del nuovo apparato normativo dettato dal Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza, posticipata, quanto alle disposizioni di rilevanza penale, al 16 maggio 2022, salvo ulteriori differimenti.

Le fattispecie di reato più comunemente trattate dallo Studio Ramelli sono quelle di bancarotta fraudolenta patrimoniale o documentale, particolarmente gravi in termini di risposta sanzionatoria, di bancarotta preferenziale e di bancarotta semplice (documentale o patrimoniale), riferita a quei fatti di reato che possono essere contestati, sia all’imprenditore individuale o al suo institore, sia, nella bancarotta c.d. impropria, agli amministratori, ai direttori generali, ai sindaci ed ai liquidatori di società, con le specificità dettate dalla posizione di garanzia che ciascuna figura  assume rispetto alla tutela gli interessi del ceto creditorio.

Considerato che nella prassi giudiziaria l’indagine penale sui reati fallimentari nella quasi totalità dei casi trae origine dalla relazione del Curatore inviata  ex art. 33  L. F. all’Ufficio del  PM territorialmente competente, per scrutinare gli aspetti di criticità nella gestione dell’impresa in crisi che potrebbero assumere rilevanza in sede penale, la difesa tecnica dovrebbe, auspicabilmente, intervenire nella fase prefallimentare e comunque, in sede penale, sin dalla fase delle indagini preliminari, per poter contrastare, con validi argomenti di natura tecnico-contabile o in termini di insussistenza della condotta tipica, l’ipotesi di reato che sarà formulata dalla Procura ricevente la notizia di reato, al fine di escludere la penale responsabilità dell’indagato o quanto meno la natura fraudolenta dell’azione od omissione, utile alla derubricazione dell’originaria incolpazione in una ipotesi di reato fallimentare meno afflittiva.